Vinci un Rolex su Watchmaster.com

La storia dell'orologio da polso: 200 anni di sviluppo


La storia dell'orologio da polso: 200 anni di sviluppo

Nulla ha plasmato la nostra attuale comprensione del tempo quanto l'invenzione dell'orologio da polso. Nella vita di tutti i giorni, tutti lo indossano come una cosa ovvia. Ma in realtà, l'orologio ha solo due secoli di vita ed é stato sviluppato molto dalla sua creazione. 

La necessità di misurare il tempo esiste da diversi millenni: 5.000 anni fa, gli antichi Egiziani inventarono la meridiana. Il suo design circolare e i periodi di tempo modellano l'aspetto degli orologi moderni fino ad oggi. La misurazione del tempo era legata alla luce solare e quindi possibile solo durante il giorno. La prima indipendenza dalla luce del giorno ha portato l'orologio ad acqua. E 'stato seguito dalla clessidra e nel 14 ° secolo l'orologio a ruota. Quest'ultimo conteneva già i primi elementi di base che attualmente si possono trovare negli orologi meccanici, ma era molto inesatto. Era dotato di un cosiddetto "Unrast" - un predecessore meno preciso dell'attuale bilanciere usato.


Orologio da tasca di Arsa sdraiato su legno


Gli orologi erano allora relativamente grandi e quindi spesso venivano tenuti in una catena nella tasca posteriore. Erano anche lontani dal loro arrivo nell'ampia massa della popolazione. Orologi erano nobili e costosi oggetti di lusso. Visibili alla popolazione comune, fin dal XIII secolo, grandi orologi sono già stati eretti nei campanili delle chiese e sui mercati, fornendo informazioni acusticamente sull'ora intera o sull'inizio di una fiera. Gli orologi erano inizialmente prodotti da fabbri, ma la professione orologiera cominciava ad evolversi a partire da un bisogno crescente.

Nel XV secolo sono stati creati il bilanciere e, soprattutto, la molla a spirale, che ha reso possibile la costruzione di orologi precisi. La molla elicoidale sostituì il lungo pendolo utilizzato in passato e creò così le basi per una miniaturizzazione dell'alloggiamento. Nel 1673 Christiaan Huygens creò un orologio con molla a spirale e bilanciere, che era già relativamente piccolo e portatile.

La strada è stata spianata per lo sviluppo di orologi più piccoli: solo pochi decenni dopo, nel 1812, Abraham-Louis Breguet realizzò, su richiesta della regina Carolina Murat, sorella di Napoleone, il primo orologio da polso conosciuto. Era attaccato al polso con un cinturino. Gli uomini portavano i loro orologi su una catena nella tasca posteriore. Le donne lo portavano al collo, una tendenza che sarebbe durata quasi un secolo. Solo lentamente l'orologio da polso ha trovato la sua strada nella vita sociale, fino alla fine del XIX secolo ha avuto il suo posto fisso nel guardaroba di molte donne. Questi orologi erano attaccati a nastri o catene, conferendo loro un carattere femminile e facendoli apparire come gioielli.

 

Rolex 30th


Lo sviluppo dell'orologio da polso nel XX secolo


Gli uomini preferivano ancora gli orologi da tasca, che nel corso degli anni erano diventati più piccoli e la cui precisione era migliorata enormemente. 

Ma ben presto divenne chiaro che l'elegante gesto di estrarre un orologio dalla tasca non era pratico in ogni situazione. La leggenda del volo Alberto Santos Dumont aveva già espresso il desiderio di poter utilizzare entrambe le mani durante il volo e di poter tenere d'occhio il suo orologio allo stesso tempo. Il suo amico Louis Cartier disegnò per lui il Cartier Santos nel 1904, che è ancora oggi una serie centrale della collezione dell'azienda. Nasce il primo orologio da polso da uomo e con esso anche il primo orologio da pilota. Anche se non ha molto in comune con gli odierni orologi per l'aviazione con una lunetta distintiva, ha gettato le basi per una delle categorie di orologi di maggior successo di tutti i tempi. Oggi quasi ogni produttore di orologi ha nel suo repertorio almeno una serie di orologi per l'aviazione. Grazie al loro enorme valore di riconoscimento, godono ancora di grande popolarità.

Con lo scoppio della prima guerra mondiale il loro uso è stato esteso a molte aree in cui le mani libere erano vitali e allo stesso tempo essenziali per una visione d'insieme temporale. Ancora oggi si può vedere che molte serie hanno la loro origine nell'uso professionale e militare. Serie come il Breitling Navitimer sono dotate di caratteristiche aggiuntive che i piloti hanno poi facilitato per la navigazione: La lunetta girevole del regolo calcolatore rotante, ad esempio, permetteva di effettuare calcoli aeronautici precisi direttamente sul polso senza dover ricorrere a strumenti aggiuntivi. Oggi i computer di bordo hanno sostituito questa funzione. La storia tradizionale si riflette ancora oggi nel design dell'orologio, la lunetta del regolo calcolatore dà all'orologio un aspetto sorprendente. Altre serie come il Rolex Air-King si basano su un design minimalista e sulla leggibilità in condizioni di scarsa illuminazione.

Anche se molte serie sono state progettate per uso professionale, non sono rimaste a lungo riservate ad uso militare e hanno rapidamente guadagnato seguaci all'interno della popolazione civile. Ma l'era dell'orologio da tasca non era ancora finita: per molto tempo c'è stata una coesistenza di orologio da tasca e orologio da polso. Ma il rapido sviluppo dell'orologio da polso provocò una crescente popolarità. Inizialmente era indossato principalmente da soldati e piloti che utilizzavano gli orologi durante la prima guerra mondiale. All'inizio si usavano orologi da tasca, dotati di catena. Inoltre, il mercato degli orologi, fatti apposta per essere indossati al polso, si formò rapidamente. Le esigenze della guerra ne influenzano ancora le caratteristiche: lancette luminose per una migliore leggibilità, custodie antiurto e vetri antigraffio sono ancora oggi caratteristiche importanti.

 

Rolex 30th

 

Negli anni '20 fu sviluppato il primo orologio automatico a carica automatica. 1926  Rolex, con la cassa Oyster impermeabile, fa notizia e contribuisce con la sua pubblicità al successo degli orologi da polso. Per dimostrare l'impermeabilità della cassa Oyster, il fondatore Hans Wilsdorf equipaggiò la nuotatrice Mercedes Gleitze con un Rolex mentre cercava di attraversare la Manica. Il tentativo di record è fallito a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli. L'orologio è sopravvissuto al tempo in acqua ghiacciata senza danni. Il successo dell'orologio da polso fu inarrestabile. Nel 1931 Rolex lancia il primo movimento a carica automatica, l'Oyster Perpetual, che sostituisce il movimento a carica manuale.

 

La crisi del quarzo e le sue conseguenze per l'industria orologiera


Negli anni '30 sono stati sviluppati i primi orologi elettrici con tecnologia al quarzo. Erano costosi, ingombranti e prodotti solo in piccole serie per uso scientifico. I primi modelli si basavano su un'alimentazione elettrica costante o le loro batterie erano così grandi che non erano adatte al trasporto.

ELa svolta è arrivata con la tecnologia dei semiconduttori, che ha permesso ai produttori di produrre movimenti di orologi in forma miniaturizzata. Seiko, Patek PhilippeJunghans presentano i loro primi orologi da tavolo alimentati a batteria. Erano ancora più costosi degli orologi meccanici e quindi non rappresentavano una concorrenza seria. Lo sviluppo di circuiti integrati per stadi divisori stava cambiando presto. Negli anni '70, il mercato degli orologi è stato ampliato con una varietà di orologi da polso elettrici, soprattutto dal Giappone. Essi superavano di gran lunga i loro omologhi meccanici in termini di precisione e convenienza economica.

Il Seiko Astron è stato il primo orologio da polso elettrico in vendita nel 1969. Era ancora molto costoso, ma i prezzi scesero rapidamente. I movimenti degli orologi al quarzo consistevano di meno parti, erano quindi meno costosi in produzione e potevano essere prodotti in grandi quantità. Una varietà di modelli di orologi da polso a basso costo inondò il mercato e fece precipitare in crisi i vecchi produttori di orologi meccanici. Gli orologiai di tutto il mondo hanno lottato con le conseguenze. Soprattutto i produttori più piccoli sono scomparsi completamente dalla scena, ma anche le medie e grandi aziende hanno dovuto presentare istanza di fallimento. Solo alcune di esse hanno potuto essere salvate. In Svizzera, nel 1970, solo 600 delle 1600 imprese rimasero in attività. Anche marchi tradizionali come Rolex hanno lottato a causa del boom del quarzo, per cui è stato introdotto il Rolex Oyster Quartz. Il primo e unico orologio Rolex con movimento al quarzo fino ad oggi. La fusione di ASUAG (General Swiss Watch Industry AG) e SSIH (Société Suisse de l'Industrie Horlogère) ha contribuito alla rinascita del paese. Con lo Swatch, l'azienda di nuova creazione ha inventato un orologio da polso elettrico competitivo che, grazie al minor numero di componenti, è stato economico da produrre e ha aiutato l'industria orologiera locale a ritrovare la stabilità.

 

A.Lange-Söhne 116.021

 

Il mercato si è ripreso alla fine degli anni '80. Gli orologi meccanici sono tornati ad affermarsi, soprattutto nel segmento di prezzo più alto, grazie alla loro funzionalità più facile da comprendere e alla maestria artigianale richiesta per la loro produzione. Lo "Swiss made" riacquista importanza come criterio di qualità e domina il mercato dell'orologeria. La crisi ha portato alcune aziende al fallimento, ma ha anche portato a risultati positivi: sono stati sviluppati e perfezionati nuovi processi produttivi, le aziende sono state ristrutturate e focalizzate sulle loro serie particolarmente robuste. Ciò che è cambiato è l'orientamento generale: l'industria orologiera svizzera non copre più solo il segmento di prezzo superiore, ma si concentra anche su orologi più economici con tecnologia al quarzo, in grado di tenere il passo con la concorrenza asiatica.

Allo stesso tempo, gli orologi meccanici sono più popolari che mai. Made in Swiss è sinonimo di precisione, artigianalità e produzione di alta qualità. Non si è costretti a spendere mezza fortuna per un orologio da polso di alta qualità. Tuttavia, gli orologi di lusso sono ancora un investimento promettente. Hanno anche un diverso valore emotivo rispetto alle controparti elettroniche di breve durata ed economiche. Grazie all'impiego di materiali esclusivi e alla lavorazione di alta qualità, alcuni orologi di lusso durano più generazioni e, con un trattamento adeguato, aumentano costantemente di valore.

Al giorno d'oggi, c'è un'impressionante varietà di orologi da polso in ogni segmento di prezzo. Se volete regalarvi l'alta qualità ad un prezzo più basso, potete contare su orologi di lusso usati e certificati acquistati da Watchmaster. Dagli orologi digitali a buon mercato agli orologi meccanici, ancora molto popolari e tecnicamente complessi, fino allo smartwatch all'avanguardia.


Jaeger LeCoultre Reverso Duetto 256.1.75